SCONFITTA A PADOVA

SCONFITTA A PADOVA

basket-club-gardolo06.jpgInizialmente era sembrato di rivivere la buia serata di Conegliano: già nel terzo quarto il passivo era di 35 punti. La differenza a livello di individualità non sembrava insormontabile (eccezion fatta per il play avversario De Nicolao); quanto all’organizzazione invece la discrepanza è stata a tratti imbarazzante. Sono venuti a galla tutti i nostri difetti: mancanza di coesione, esperienza, mentalità. I nostri avversari ci hanno puniti in velocità, segnando almeno un terzo dei punti in contropiede. Disarmante la nostra lentezza a tornare in difesa, anche dopo canestro fatto, e a contenere i pick-and-roll.
In attacco le cose non sono andate meglio: nulli in contropiede, schemi ancora poco assimilati, egoismi e tiro da 3 come unica soluzione (nonostante gli avversari fossero tutt’altro che irresistibili nel contenere le penetrazioni).
Sprofondati nel baratro, improvvisamente riaccendiamo la lampadina: dopo aver toccato il fondo una sferzata d’orgoglio ci rianima, inutile per il risultato, ma preziosa quantomeno per lo spirito di squadra.
In 15 minuti i ragazzi riescono a recuperare 20 punti di scarto, giocando finalmente di squadra e correndo in contropiede. Complice del parziale sicuramente anche un rilassamento da parte di Padova, che tuttavia schiera De Nicolao, Vukic e Tonzig per quasi tutta la partita.
Il risultato finale è di 84-69. Torniamo a casa con l’amaro in bocca e qualche rimpianto: sappiamo che la squadra è in grado di reagire rabbiosamente, ma solo quando si trova con l’acqua alla gola. Troppo tardi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *