CUS Trento 59 – Gardolo 64

GEN
09
2015

Punti segnati

FURIA MATTIA 0
TRIVARELLI GIACOMO 2
CASAGRANDE DANIELE 4
MOSNA MATTEO 12
GAMBINO LORENZO 2
ZAMPIERO ERMANO 0
JAN JOSOL 0
BERTOLUZZA DAVIDE 9
LAZZAROTTO TOMMASO 0
VALER ALBERTO 29
PEDERZOLLI FEDERICO 0

Commento:
Grande vittoria nella prima giornata successiva alla lunga pausa natalizia per i ragazzi di coach Tomazzolli che si impongono 59 a 64 contro la dominatrice del campionato Cus Trento. Si tratta infatti della prima sconfitta per gli universitari che, come era successo l’anno scorso subiscono il poco allenamento dovuto al rientro a casa per le festività dei propri giocatori-­studenti.

Il primo quarto ci vede poco lucidi in attacco e non attenti in difesa, le due cose messe assieme fanno si che il periodo si concluda con un vantaggio per la squadra di coach Eglione comunque non troppo allarmante: 19 a 13.
Durante il secondo quarto la missione è quella di sistemare alcuni aspetti della difesa, stare più piegati sulle gambe e eliminare gli errori tranquillamente evitabili in fase di attacco. Il punteggio è leggermente basso ma, nonostante questo, gli obiettivi possono dirsi raggiunti. Vinciamo il periodo di 1 punto andando alla pausa lunga con il tabellone che segna un 30 a 25 non troppo preoccupante.

Andare negli spogliatoi a metà partita con un leggero svantaggio permette a tutti noi di rimanere concentrati e di non dare nulla per scontato nel corso del terzo quarto. Cosa che invece capita all’esperta squadra avversaria che durante la terza frazione si dimostra distratta in fase di difesa e un po’ precipitosa in attacco. Mescolare questi aspetti del gioco degli avversari alla grande prestazione del nostro Alberto Valer ne fa uscire un buon quarto che ci vede vincere di 7 lunghezze il terzo, spesso più determinante, periodo ed entrare definitivamente in partita settando il punteggio sul 43 a 45 per noi.

Si preannuncia un ultimo quarto di battaglia ed è quello che le due squadre offrono al pubblico nei minuti finali. Valer nei all’inizio fa capire agli universitari che recuperare sarebbe stato quantomeno difficile con alcuni canestri di grande importanza. Nonostante la sua prestazione gli avversari continuano a segnare canestri pesanti e in poco tempo. Gli ultimi 5 minuti si trasformano in un gioco a chi ha i nervi più saldi, gli avversari costretti a fare fallo per fermare il cronometro e cercare di segnare nel possesso successivo e noi a dover segnare ogni tiro libero ed evitare di perdere la palla una volta pressati. In questi casi l’esperienza viene a galla e negli ultimi 2 minuti capitan Mosna si prende l’onere di subire gli ultimi falli a disposizione degli avversari, con un sufficiente 4 su 6 li tiene a debita distanza.

CUS Trento:Seck, Zini, Sissa 8, Bjedic 8, Porfido 7, Zago 3, Bodini 10, Agostini 14, Ciotoli 9

Tiri da 3: Gardolo 4 (Bertoluzza 2, Valer 2), CUS Trento 5 (Agostini 2, Porfido, Bjedic, Zago)

Tiri liberi: Gardolo 6/10, Charly Merano 8/14

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.