Serie D: 2 squadre, 5 partite, 1 promozione

Come l’anno scorso, mi prendo l’impegno di commentare le ultime partite della stagione, cogliendo l’occasione per chiedere scusa per lo scadente aggiornamento del sito per quanto riguarda gli articoli sulle nostre partite.

Dopo una semifinale giocata fino in fondo contro una squadra come Merano che ci ha messo in difficoltà fino all’ultimo secondo, inizia la serie di finale annunciata fin da inizio stagione contro la Virtus Altogarda.

GARA 1

Gara1 si gioca sabato 14 maggio a Riva del Garda. Non c’è molto da dire su questa partita, i gialloblu si dimenticano completamente a casa la voglia di giocare e la Virtus non fa sconti: il passivo di -33 finale (72-39, sì esatto, 39!!!) rende a pieno l’andamento della partita con Gardolo che non è mai scesa sul parquet, messa alle corde da una squadra con tanta voglia di vincere. I gardoloti paiono intimoriti e non fiduciosi di fronte alla Virtus e questo non sta bene a nessuno, in primis a capitan Mosna, che al rientro negli spogliatoi dopo il match striglia i compagni, sperando in una reazione d’orgoglio.

GARA 2

Reazione che arriva in gara2, mercoledì 18, sempre a Riva: ancora una sconfitta, ma questa volta Gardolo se la gioca fino in fondo cedendo solo nel minuto finale ed uscendo sconfitta per 69 a 62. Si torna a Gardolo sul punteggio di 2-0 nella serie ma con la consapevolezza di potersi giocare fino in fondo ogni partita.

GARA 3

Il primo match point virtussino è gara3, domenica 21 ma questa volta la partita si gioca tra le mura amiche del palaGardolo: i gialloblu partono forte trascinati da un grande pubblico, 5 punti di vantaggio alla prima sirena, 9 a metà partita. Gli ospiti sembrano in difficoltà, Cugola è costretto a fermarsi per problemi fisici ma nonostante questo rimangono attaccati alla partita, arrivando all’ultimo quarto con uno svantaggio di 7 punti. I nostri sembrano un po’ mollare la presa e nella seconda metà del quarto, Volpi appoggia il 46 pari. I gialloblu sembrano alle strette, la Virtus ci crede, eccome; ma Gardolo tira fuori gli attributi e torna a lottare, riuscendo a riportarsi in vantaggio e grazie ad alcune giocate chiave come la rubata di Lucchini su Zanoni a 1 minuto dal termine e la tripla di Gambino (completamente fuori dagli schemi e sulla sirena dei 24 secondi) a 30 secondi dalla fine, ad allungare la serie a gara4, in programma giovedì 26 maggio ancora a Gardolo. Punteggio finale: 55-49.

GARA 4

Gara4 parte con alcuni protagonisti in meno su entrambi i lati: da parte nostra, Lucchini per motivi personali non può prendere parte alla battaglia, sulla sponda rivana a dare forfait sono Cugola (ancora infortunato), Stienen e Fia (assente anche in gara3). Gardolo parte fortissimo, scavando subito un gap di 9 punti grazie soprattutto ad un ispiratissimo Scagliarini: ma la Virtus non ci sta, agguanta il pareggio a quota 16 e chiude il primo periodo con una bomba firmata Zanoni che vale il +3 (19-16). Il secondo quarto fa temere il peggio ai nostri: la Virtus spinge sull’acceleratore e con la tripla di Volpi nell’ultimo minuto arriva anche al +13. Grazie ad un canestro a fil di sirena di Valer, Gardolo torna negli spogliatoi con un passivo di 11 punti da recuperare per rimandare la festa virtussina. Al rientro in campo i gardoloti hanno il fuoco negli occhi: si inizia con il classico piazzato dal mezzo angolo di Gambino, seguito da una difesa attenta e intensa che forza molti errori degli ospiti; arrivano poi 3 canestri da 3 punti consecutivi firmati capitan Mosna, Trivarelli e Scagliarini e l’aggancio è cosa fatta: 45 pari alla vigilia dell’ultimo parziale. La Virtus non ci sta e grazie ad una bomba di Hainzl e un canestro di Proch torna sul +5 ma Gardolo non molla: prima Seck appoggia il -3, poi Trivarelli recupera definitivamente un pallone sporcato da Gambino e in contropiede segna subendo il fallo di Hainzl: and1 che vale ancora la parità. La partita, già accesissima, si infiamma: Bertotti ruba palla in difesa e si lancia in contropiede, siglando il primo vantaggio casalingo dal primo quarto, Riva risponde ma ancora Bertotti ispirato insacca la bomba del +3 a un paio di minuti dalla fine. La difesa gialloblu mantiene alta la concentrazione e limita l’attacco rivano; Mosna dalla lunetta firma il +2 con un tiro libero, doppio timeout (prima della Virtus poi di Gardolo) e rimessa Riva con 20 secondi alla fine. Pace tenta l’1vs1, penetra e cerca di servire Bedin: ma la difesa trentina chiude bene l’area e riesce a recuperare il pallone con Scagliarini che con 2 secondi da giocare subisce fallo e converte entrambi i liberi per il +4 finale: 60-56 e si va alla bella!

GARA 5

Gara5 si gioca sabato 28 maggio a Riva davanti al pubblico delle grandi occasioni: Gardolo parte bene guidata da un ritrovato Valer, nelle prime gare un po’ sotto gli standard offensivi ai quali aveva abituato durante tutta la sua esperienza gialloblu; i compagni lo seguono e chiudono il primo parziale in vantaggio 19 a 15. Ma come si è ormai capito Riva non è solita mollare nell’ultimo minuto dell’ultimo quarto, figuriamoci dopo 10 minuti di gioco! Il vantaggio gialloblu si riduce ad una sola lunghezza all’intervallo lungo e gli ultimi due periodi della stagione si prospettano non adatti ai deboli di cuore. Nel terzo periodo è ancora l’equilibrio a fare da padrone, con Gardolo e Valer soprattutto a rispondere colpo su colpo al rientro di Riva che chiude il terzo periodo in vantaggio di 3 punti. Sono gli ultimi 10 minuti a decidere il vincitore: il rientrante Cugola, rimasto un po’ in ombra nella prima metà di partita torna a fare quello che gli riesce meglio ovvero segnare e in compagnia di Volpi e Mazza scava un gap di 12 punti che sembra mettere una seria ipoteca sulla promozione in C silver. Gardolo prova a rispondere e riesce a tornare fino al -3 ma Zanoni (mvp della partita) con un paio di canestri fuori di testa rimette le cose a posto. 60-54 il risultato finale che premia la Virtus con la promozione in serie C.

Il rammarico è tanto per essere arrivati così vicini ad un’impresa che avrebbe avuto dell’incredibile ma al contempo è tanta la soddisfazione per aver forzato gara5 in questa serie contro un avversario di livello come la Virtus. Peccato non aver avuto a disposizione tutti i giocatori nel corso delle 5 partite (Lucchini come detto ha perso gara4 e 5, così come Perenzoni, Pederzolli fuori in gara 1 e 5). Non è stata una stagione semplice, gruppo rimaneggiato in gran parte, tanti innesti e diciamocelo, in campo siamo tutti dei caratterini non facili da gestire al meglio: nonostante questo nel momento di massima difficoltà abbiamo dato tutto, gara 3-4 e 5 sono state probabilmente le migliori partite della stagione per quanto riguarda il gioco espresso. A nome mio volevo ringraziare tutti i miei compagni che hanno reso possibile questa stagione, combattendo nei momenti meno facili e costruendo un gruppo unito che da sempre caratterizza la nostra società. Ringrazio Coach Michele Tomazzolli e il vice Roberto Mattivi per aver tenuto duro e aver dato tutto quello che potevano. Ringrazio il pubblico (ed in particolare i ragazzi dell’under13 che hanno costruito una vera e proprio mini-curva), lo splendido pubblico che in gara 3 e 4 (soprattutto quest’ultima) ha reso il palaGardolo una bolgia, e non sto esagerando: giocare quella partita è stata un’emozione che non scorderò facilmente, così come i miei compagni, presumo; pubblico che in gara5 si è fatto sentire per 40 minuti; siete stati splendidi e soprattutto, fondamentali.

Per ultimo, complimenti davvero sinceri alla Virtus, squadra di altissimo livello, giovane, organizzata e ben allenata da Coach Gabrielli, che ha meritato questa vittoria forse più di noi per la costanza di risultati espressa in tutto il campionato: insieme abbiamo dato vita ad una serie bellissima, degna di una finale. In bocca al lupo quindi alla Virtus per la prossima stagione e per il ritorno in C silver!

Noi ci rivedremo l’anno prossimo, stessa storia, stesso posto, stesso bar;)

Grazie a tutti ancora una volta

JACK

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.