Gardolo 63 – Belvedere Ravina 60

FEB
19
2017

Punti segnati

BALDO MIRKO 10
BOSETTI MICHELE 12
DALLAPICCOLA LUCA 3
PERINI ALVISE 2
STENICO CRISTIAN 2
SACCOMAN LORENZO 7
DALPIAZ LUCA 2
VALER ALESSANDRO 5
DALLABETTA DANIEL 18
TESTONI MIRKO 2

Commento:
Partita da ricordare, questa! E verrà ricordata senza troppa fatica non solo da noi giocatori, ma anche dal fortunato pubblico che si è visto testimone di uno spettacolo raro.

Procediamo con ordine: la partita vede scontrarsi i gardolotti, belli carichi dopo la convincente vittoria in quel di Arco, che ospitano la capolista Ravina, che ha la curiosa abitudine di vincere tutte le partite (con un’unica eccezione, guarda caso contro i nostri Under 20).

La partita fatica molto a prendere una direzione precisa, le squadre lottano su ogni singolo pallone e ci sono continui sorpassi e controsorpassi, con un ritmo sempre sostenuto e apprezzato dal pubblico citato poc’anzi.

Alla pausa lunga il punteggio è in perfetto equilibrio 27 – 27.

Nel secondo tempo mettiamo il naso avanti e iniziamo a costruire un discreto vantaggio che sembra possa essere gestito fino alla fine.

Iniziamo l’ultimo quarto avanti di 7 lunghezze, vantaggio che rimane più o meno immutato fino a 2 minuti dalla fine, quando, probabilmente già certi di aver vinto, ci siamo dimenticati di che squadra stavamo affrontando e, per colpa di un paio di distrazioni, ci troviamo a 20 secondi dalla fine con un vantaggio di 3 punti. Con la palla in mano agli avversari.

La scelta è quella di difendere con intensità ma senza fare fallo e tale scelta sembra ripagare, tant’è vero che a 10 secondi dalla fine gli avversari ancora non sono riusciti a creare una situazione comoda per tentare il pareggio. Se non fosse che a 8 secondi dallo scadere il loro lungo faccia partire una preghiera da oltre l’arco che dopo essere beffardamente rimbalzata sul tabellone si insacca nella retina del canestro.

Pari 60 – 60.

A 6 secondi dalla fine.

6 secondi che però, come tutti sanno, nella pallacanestro sono più che sufficienti per vincere una partita. E per nostra fortuna il nostro Daniel “Larry Bird” Dallabetta lo sa bene e senza pensarci due volte, appena ricevuto il pallone in attacco, scocca in modo solo apparentemente rocambolesco un tiro dalla bellezza stordente che non può avere altra destinazione che il fondo della retina.

Un tiro che significa vittoria ma soprattutto un messaggio all’intero campionato: Gardolo c’è!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.