La stagione della Serie D

La stagione della Serie D – commentata da Ermanno e Davide

Dopo aver raggiunto la finale per la promozione in serie C l’anno scorso, la prima squadra gialloblu si vede costretta ad affrontare una ristrutturazione completa del suo organico, in seguito alla partenza di gran parte dei giocatori, che hanno deciso di giocare in altre società; chi in una serie superiore in cerca di nuove sfide, chi in altre squadre della stessa categoria.
Con una squadra giovane e del tutto rinnovata si inizia la stagione con il tradizionale Memorial Zanelli, che ci permette di conoscerci meglio soprattutto in campo e che nonostante le premesse ci vede sfiorare la finale, mancata a causa della sconfitta contro Merano al secondo supplementare.
Il campionato inizia nel migliore dei modi con un filotto di quattro vittorie consecutive, anche se conquistate a fatica; tuttavia la successiva “doccia gelata” di tre sconfitte in altrettante partite ci fa tornare con i piedi per terra. Sfortunatamente i diversi infortuni e impegni fuori dal campo non aiutano e la mancanza di continuità e intensità negli allenamenti si è vista in queste partite, ma la reazione arriva e anche se in alcuni casi i risultati ci penalizzano, riusciamo a mostrare sul campo delle buone prestazioni. Nella fase a orologio si riconfermano i risultati della prima parte di stagione e si delinea la classifica finale che ci vede quarti, dunque con il fattore campo nel primo turno dei playoff.
Arriviamo così ai quarti con un rendimento casalingo di 7-2, dove affrontiamo Pergine, scontrandoci con alcuni giocatori protagonisti l’anno scorso a Gardolo che rendono a tutti gli effetti questa serie un derby. Gara 1 ci vede vittoriosi in volata confermando il fatto che al Palagardolo bisogna sudare per uscire con una vittoria; tuttavia la seconda partita è un vero e proprio tiro al bersaglio per i perginesi che impattano la serie vincendo con un margine di oltre 40 punti. Nella bella riusciamo a vendicare la brutta prestazione con una vittoria per 80-50 che ci permette di approdare alle semifinali.
Ad aspettarci c’è il Piani Junior Bolzano, primo in classifica al termine della stagione con 15 vittorie su 18 partite e avversario che non siamo mai riusciti a battere. Gara 1 si gioca punto a punto con alti e bassi da parte di entrambe le squadre, ma riusciamo a spuntarla nel finale grazie ad una difesa aggressiva raggiungendo la doppia cifra di vantaggio e ribaltando il fattore campo. Purtroppo non siamo in grado di sfruttarlo in gara 2, persa di soli 3 punti dopo una partita al cardiopalma. Ci giochiamo di nuovo tutto in gara 3 dove proviamo a ripetere l’impresa fatta nella prima partita della serie, ma dopo aver recuperato fino al -4 uno svantaggio di 16 punti, nell’ultimo quarto non riusciamo a completare la rimonta e la sirena finale segna il -9.
Termina così una stagione lunga e faticosa, ma ricca di soddisfazioni, durante la quale siamo riusciti a raggiungere una buona intesa in campo nonostante molti giocassero assieme per la prima volta. Siamo riusciti a conquistare la semifinale giocando dei buonissimi playoff, e a giocarcela uscendo a testa alta, racimolando nel corso di tutto il campionato un po’ di esperienza che sarà sicuramente utile per i prossimi anni.
Per questa avventura desideriamo ringraziare innanzitutto i nostri compagni di squadra, che ci hanno messo anima e cuore per arrivare fino in fondo e che hanno creato in spogliatoio e in campo un ambiente positivo, grintoso e unito; gli allenatori, che hanno dato fiducia anche ai più giovani gettando le basi per il futuro e che ci hanno spronati a migliorarci partita dopo partita; i dirigenti per aver costruito questa squadra; e il pubblico, che presente e numeroso specialmente nel finale di stagione, ci ha accompagnati e sostenuti.

Grazie e al prossimo anno!
Ermanno e Davide

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.